Home arrow La Nostra Sede
La Nostra Sede


LA NOSTRA SEDE

Lo Studio Associato Luppi ha sede in un antico palazzo patrizio di Milano, la cui facciata è soggetta a vincolo monumentale (L. l° giugno 1939, n. 1089).

Di seguito si riporta una breve descrizione del palazzo tratta da "Milano nel 700 e le vedute architettoniche disegnate e incise da Marc'Antonio Dal Re", a cura di Adele Mazzotta Buratti, Edizioni Il Polifilo – Milano 1976.

PALAZZO DELLA CONTESSA BELGIOIOSO

Posto all'angolo tra la via Lentasio e la contrada di Sant'Eufemia, questo palazzo sorse nella prima metà del settecento per la Contessa Barbara Belgioioso in una zona piuttosto popolare della città. Circondata dalle semplici architetture delle case borghesi, la grande mole dell'edificio, la cui facciata era scandita al piano terreno da diciassette aperture, emergeva ancor più nella stretta via di Sant'Eufemia.

Quasi certamente opera di Giacomo Muttone, che lavorava in quel periodo per i marchesi Novati alla sistemazione della villa seicentesca di Merate, che nel 1749 passerà alla contessa Belgioioso, quest'abitazione richiama i modi del Ruggeri - il Muttone era allora al seguito di questo architetto - ed in special modo di palazzo Cusani. Infatti la fronte, anch'essa di tre piani, ne riprende il motivo dei due portali e del balcone al centro, che qui è usato per dare all'edificio una scansione più misurata, data la sua lunghezza.

Maggiore è invece la semplicità degli elementi architettonici. Le finestre sono contornate da lisce cornici ed anche i portali, pur decorati secondo il gusto del barocchetto settecentesco, mancano completamente dello slancio verticale e di quel forte senso di chiaroscuro che caratterizza l'opera del Ruggeri. Qui anzi il ritmico ripetersi delle finestre, sottolineato dalla lunga fascia marcapiano, accentua lo sviluppo orizzontale della facciata che però, nella realtà - il Dal Re erroneamente rappresenta la fabbrica prospiciente un'ampia piazza - data l'angustia della via, non può mai essere colta nel suo insieme.

All'interno l'edificio si articolava attorno a due cortili: uno di servizio, che disimpegnava scuderie, magazzini e zona della servitù, e l’altro principale, porticato con colonne tuscaniche, su cui davano gli appartamenti di rappresentanza. Questi, che riprendono il solito schema distributivo delle case dei nobili consistevano in una serie di sale e saloni decorati con stucchi e porte di legno intagliato ed arredati con bellissimi mobili settecenteschi.

Il quarto lato del cortile si apriva in origine direttamente su un vasto e bellissimo giardino, ai tempi della contessa Barbara Belgioioso uno dei più famosi della città. Allora ospitava infatti, quale "Bosco Parrasio", le riunioni di un gruppo di Arcadi che vi tennero numerose accademie. Scomparso oramai il giardino, anche l’edificio, già sopralzato di un piano, subì notevoli modifiche dopo i danni arrecati dalla guerra

 
Notizie Flash

News
Economia
Tue, 20 Aug 2019 21:12
Repubblica.it >Economia
Piazza Affari in rosso nel D Day del governo, ma cala lo spread
Il differenziale con i titoli tedeschi sale fino a 218 punti poi fa marcia indietro. In netto calo il petrolio
Savona contro Draghi: "Nel 2012 è intervenuto tardi, molte imprese erano già saltate"
Il presidente Consob: "Italia deve restare in Europa, ma bisogna rimediare agli errori del 1992". Sulla Manovra: "Serve patto credibile con la Ue"
Pil, Blangiardo (Istat): "Segnali di stagnazione ma da export indicazioni positive"
Il presidente dell'istituto di statistica sussidiario.net: "Partita economica difficile ma resta aperta"


top

Studio Associato Luppi
Via Sant'Eufemia, 4 - 20122 Milano
Tel. +39 02 58303326 - e-mail studio.luppi @ luppi.it
Studio Associato Luppi 1998-2017

Informazioni di Legge - Copyright - Sicurezza - Policy - Contatti